Il Martirio di Santa Caterina

caterinalocandina1

Secondo la tradizione, Caterina era l’intelligente, bella e colta figlia del re d’Egitto. All’inizio del IV secolo, dopo aver sostenuto e vinto la disputa teologica con i più ingegnosi filosofi e scienziati di Alessandria, essa subì il martirio sulla ruota sotto l’imperatore Massenzio e fu successivamente decollata. Le Sue reliquie sono custodite nel monastero a Lei intitolato sul Monte Sinai e il Suo culto è diffuso in tutta Europa, in Oriente come in Occidente. È la patrona degli uomini di scienza e di tutti coloro il cui lavoro ha a che fare con le ruote. La si invoca contro tutti i tipi di malattie, ma in particolare contro il mal di testa.

Martedì 22

ore 18 Culto

Liturgia del martirio presieduta da Mons. Salvatore Esposito

Mercoledì 23

Ore 16,30 Arte

Il Complesso Monumentale di Santa Caterina a Formiello e l’iconografia della Santa. Illustrazione a cura di Antonio Caliendo.

Ore 18 Culto

Adorazione Eucaristica (Fede e Filosofia) presieduta dal Parroco don Carmine Amore

Ore 19 Storia, Filosofia, Musica

Caterina Santa e Filosofa. A cura di Giusi Orazzo
Il libretto dell’Oratorio “Il martirio di Santa Caterina” di Antonio Caldara.

A cura di Fiorella Orazzo
Sante e santi sui palchi delle stelle. A cura di Paologiovanni Maione

Giovedì 24

Ore 18 Culto

Vespro solenne presieduto da S. E. Mons. Gennaro Acampa Vescovo Ausiliare di Napoli

Ore 19 Musica

Oratorio Il Martirio di Santa Caterina
Libretto di Francesco Forzoni Accolti (Roma 1708) Musica di Antonio Caldara (1670-1736)
Prima esecuzione moderna

Santa Caterina – Angela Luglio
Imperatrice Faustina – Valentina Varriale
Angiolo – Marina Esposito
Tiranno – Giuseppe Naviglio
Filosofo – Rosario Totaro
Orchestra Giovanile del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino Continuo – Pierfrancesco Borrelli
Direttore – Giuseppe Camerlingo

Venerdì 25

Ore 18 Solennità di Santa Caterina d’Alessandria
S. Messa presieduta da S. Em. Rev.ma il Sig. Card. Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, con la partecipazione della Banda del Primo Decanato, diretta da Francesco Trio

I commenti sono chiusi.